venerdì 20 gennaio 2012

Death Note 14 - La VERA verità




Questo articolo è frutto di una ricerca volta a far scoprire ai lettori di Death Note quanto questo manga sia davvero poco originale, per cui questo post è dedicato a chi ha già letto il manga. Presto diventerà anche un video sul mio canale Youtube. Clicca per leggere ;)






Death Note è un manga di Tsugumi Ohba e Takeshi Obata pubblicato dall’editore nipponico  SHUEISHA sulla rivista settimanale per ragazzi WEEKLY SHONEN JUMP.

Il manga ci propone la storia di Light Yagami, uno studente giapponese dalle grande capacità, annoiato dalla vita, che un giorno trova un oggetto misterioso: il quaderno della morte, il DEATH NOTE. Tale strumento mistico permette al suo possessore di uccidere qualunque persona egli desideri, semplicemente scrivendone il nome. Ovviamente per far sì che la morte si compi bisogna osservare determinate regole scritte appositamente sul Death Note, le cui pagine sembrano non esaurirsi mai.

Insieme al quaderno scoprirà l’esistenza degli Dei della Morte, gli SHINIGAMI e conoscerà l’ex possessore del  Death Note, l’inquietante RYUK, che da essere sovrannaturale e annoiato diventerà spettatore cosciente e compiaciuto delle azioni di Light. Lo shinigami invisibile agli occhi di chi non entra in contatto con il Death Note, seguirà costantemente la vita del ragazzo, fino alla sua morte.

Prendiamo in esame il Faust (un personaggio popolare tedesco del 1500) di Goethe e quello di Christopher Marlowe, tra l’altro i più conosciuti nel mondo come iconografia.
Faust è uno scienziato avido di sapere, e per raggiungere la conoscenza ultima non si fa scrupoli a invocare il diavolo, che si mostra a lui come Mefistofele.

Nella versione di Goethe, Mefistofele sfida Dio, proponendo una scommessa, per scoprire quanto l’animo di un uomo è plagiabile. Questo evento è paragonabile al comportamento di Ryuk che annoiato dalla vita monotona e meretrice, lascia cadere intenzionalmente sulla Terra il suo strumento mortifero per scoprire cosa succederà.

Nella versione di Marlowe, Mefistofele offre spontaneamente a Faust tutto il suo potere, conoscenza, possibilità ma unicamente per 24 anni, dopo i quali l’anima del demiurgo apparterrà a Satana.
Non è un caso se Light muore a 23 anni e 11 mesi, è di certo una chiara citazione al Faust, anche poco velata.

Ci sono delle regole nel Faust di Marlowe che Mefistofele deve seguire
1.    Faust può essere uno spirito in forma e sostanza e quindi perderà i limiti del suo corpo
2.    Mefistofele sarà il suo servo e sarà comandato da lui
3.    Mefistofele dovrà fare qualsiasi cosa e portargli qualunque cosa gli venga chiesta
4.    Mefistofele dovrà essere invisibile ma sempre presente nella sua casa o stanza
5.    Mefistofele dovrà apparire ogniqualvolta che Faust lo chiama ed in qualsiasi forma lui voglia
Chi ha letto il manga in questione si renderà conto di quanto queste regole collimano in alcuni punti con il rapporto/comportamento tra Light e Ryuk.
Esattamente come Faust, Light grazie a questo potere non fa altro che commettere un errore dopo l’altro: assurto anche lui al ruolo di demiurgo nella sua storia, simboleggiato anche dalla mela che Light impugna, la mela dell’EDEN che può rendere pari a DIO, comincia la sua opera di sterminio del MALE, uccidendo tramite il Death Note i criminali di tutto il mondo.
Forse alla ricerca di un piacere che è la ricerca di tutti: la libertà di decidere. Vita e Morte strette nelle proprie mani sono sicuramente le due opzioni più anelate dagli uomini di potere dal profondo carattere dittatoriale. Questa caratteristica di Light non sembra però innata, quanto più stimolata dal fatto di averne avuto la possibilità. Tentato dal Diavolo, come Faust che aveva grandi progetti rivoluzionari, sceglie la via più breve, quella del piacere immediato, in cambio della libertà  più grande: infatti l’anima di Light (e in generale quella di tutti gli uomini che usano il Death Note) è destinata all’oblio.
In seguito durante il manga il Death Note sarà utilizzato da un’affarista senza scrupoli, desideroso di una scalata al potere all’interno della sua azienda, che usa il quaderno della morte, per congegnare esecuzioni studiate apposta, lasciando cariche vuote nelle aziende rivali.
J. G Ballard era uno scrittore britannico, molto prolifico sul versante della fantascienza. Uno dei suoi racconti più intensi e vividi è ORA : ZERO del 1959 (in Italia è possibile leggerlo sul numero 908 dell’antologia URANIA con traduzione di Laura Serra). Il protagonista della storia, un assicuratore, cova rancore verso il suo superiore che non fa altro che ostacolarne la carriera. Il protagonista del racconto ogni sera, al ritorno a casa, redige un diario, sfogando la sua collera in quelle pagine, arrivando un giorno, a scrivere dettagliatamente la morte di tale dirigente. Morte che avviene il giorno dopo con le stesse modalità descritte dal nostro sul suo diario.
Egli ripete diverse volte l’esecuzione a distanza temporale, con altri capi, fino al fallimento dell’azienda, e sonda le possibilità del diario mortifero con un’intera cittadina, rendendosi conto che per riuscire nel suo intento non basta scrivere come morirà la persona, bisogna essere precisi nei limiti delle possibilità della vittima.
Anche questa è una regola del quaderno della morte che chi ha letto il manga conoscerà molto bene.
Passiamo ai concetti puramente estetici del fumetto, che hanno generato orde di fan pronti a far man bassa di gadget e cosplayer intenti a riempire le fiere di settore.
L’aspetto visivo di Death Note è stato uno dei punti forti dell’opera. Possiamo osservare Light Yagami e la sua famiglia indossare abiti comuni, divise scolastiche, completi sobri.
Ma due figure, ELLE e MISA, stonano totalmente all’interno di questo universo vestiario, regolato da determinati concetti sociali.

L si presenta come un ragazzo dall’aspetto piuttosto sciatto, a metà tra un emo e un hikikomori, un’immagine che scatena subito simpatia nei suoi riguardi, perché è l’esatto contrario di quello che appare: in fondo è il più grande detective del mondo, anche se ha qualche problema di relazione sociale.

Misa invece nasce prettamente per attrarre un certo numero di uomini attorno a questa figura idealizzata: è una ragazza profondamente ingenua, piuttosto sciocca (si capisce dal fatto che è bionda LOL) , ma soprattutto è una GOTHIC LOLITA, e le Gothic Lolita ARRAPANO!

Light si piazza esattamente come l’uomo comune, lo studente comune, la persona comune, in mezzo a questi due universi che pervadono la società giapponese, quasi a fare da ago della bilancia  tra gli emo/disadattati e le gothic lolita. Queste due immagini sociali molto forti, riescono ad essere decontestualizzate, ed hanno un fandom a volte anche profondamente diverso dai lettori del manga o di manga in generale. Un fenomeno di migrazione delle masse, simile è avvenuto anche in Italia: paragonabile solo alla migrazione dei mufloni in spiaggia al lido Tortorella.


Il salto generazionale; ovviamente non è il tempo tra il ’68 e gli anni ’80, ma è più un rito di iniziazione. Compiuti i 13-14 anni, si finisce in quel giro di camorra e prostituzione che sono i negozi di fumetti. Se la tua fumetteria è Via Zara, e fai passare l’anima dei guai alle moldave estorcendole denaro, non stai leggendo FUMETTI ma sei il FUMETTARO!

Ciclicamente i ragazzi si avvicinano al mondo del fumetto, magari grazie ai propri genitori o parenti, o grazie ad amici legati ai manga o ai comics. La generazione DragonBall ne è un esempio. Il 2006 è stato però un anno che potremmo definire unico, perché una particolare cerchia si affaccia per la prima volta al mondo dei manga e scopre Death Note. Questa cerchia erano i giappominchia.
NON L’AVESSERO MAI FATTO!
Ovviamente anche persone NORMALI si sono avvicinate ai manga con Death Note, ma sono purtroppo molto meno rispetto ai bimbiminchia fanatici del Giappone.
Una gremita folla di persone legge per la prima volta un manga shonen, dove “giallo” e “fantasy” si mischiano e scoppia il caso Death Note in Italia. È un successo senza pari, e senza precedenti! Siamo arrivati addirittura alla sesta ristampa dei tankobon, oltre a un’edizione in grande formato e prossimamente una riedizione con pagine a colori già annunciata.

Il successo di Death Note in patria è presto detto: generato dai lettori di Weekly Shonen Jump, che in base alla classica cartolina delle preferenze, inviano i loro pareri e commenti sulle serie pubblicate all’interno della rivista settimanale. È così che SHUEISHA si assicura una grande stabilità editoriale, e una fidelizzazione con il lettore. Si può tentare un’azzardo, ma se non piace, il manga non dura nemmeno un mese. Quindi secondo la logica dell’editoria, Death Note è andato bene perché ai lettori è piaciuto, ergo hanno letto qualcosa che incontrava i loro gusti. Ovviamente anche in Giappone ci saranno giapponesi che non hanno mai letto manga prima e si sono avvicinati ai fumetti con Death Note. No, ho detto una cazzata… Non esistono giapponesi che non hanno mai letto manga.

Tornando a noi, il caso editoriale è scoppiato davvero, ma credo di poter raccogliere in 3 punti le cause di tale successo in Italia:

- Giappominchia
    Scoprono i manga per la prima volta e osannano Death Note, facendone crescere la fama.

- L’editore
    La bassa tiratura del fumetto fa esaurire in fretta le copie, e la fama senza lode accresciuta dai Giappominchia si tramuta in una richiesta enorme di ristampa.

- Le ristampe
    Non fanno altro che accrescere il mercato del collezionismo, e aumentare la curiosità dei potenziali lettori.

Un circolo vizioso non da poco la cui componente essenziale è senza ombra di dubbio l’editore. Scelte di marketing che hanno permesso al prodotto di diventare icona, prima che intrattenimento o momento di riflessione. Perché Panini è Sanremo!

Per chiudere dovrei almeno menzionare il risvolto poliziesco cervellotico di Death Note che forse è l’unico elemento originale di questo manga. Il fumetto, visti i numerosi consensi di pubblico ha ottenuto una conversione animata, trasmessa nella nostra penisola dall’emittente MTV Italia. Si potrà ben notare, come una volta finita la trasmissione dell’anime nessuno se lo sia più inculato.
Ora, fan dell’originalità di Death Note, giappominkia che non avete mai letto un manga vero, e fungirl assetate di falli maschili cartacei… e idealizzati tra l’altro, mi rivolgerò a voi come ESIMIE TESTE DI CAZZO e vi invito a scoprire un universo di storie ben più congegnate e divertenti, particolari e profonde, dai risvolti sociali anche più interessanti, ma tanto sono sicuro che voi lettori del cazzo dei risvolti sociali di Death Note ve ne siete altamente sbattuti le palle.

Manga unici, come:
SANCTUARY
AKIRA
ALITA
MONSTER
TRIGUN
GUYVER
LA STORIA DEI TRE ADOLF
NEON GENESIS EVANGELION (forse è meglio l’anime)
AKUMETSU
KAIJI
Giusto per citare qualche titolo.
Poi se volete leggere un bel manga di Shonen Jump, leggete ONE PIECE LOL


Domenico “cavernadiplatone” Guastafierro

Liberi di Leggere

4 commenti:

  1. While delaying payments and hiding from bill collectors may seem such as the only immediate solution,
    falling behind on your student education loans will surely have serious financial impact payday uk if they may not be already listed,
    you will have to input their information yourself, but once these are inside, you can just pay them again and again without ever worrying
    about updating it.

    RispondiElimina
  2. Hey there just wanted to give you a brief heads up and let
    you know a few of the images aren't loading properly. I'm
    not sure why but I think its a linking issue. I've tried it in two different internet browsers and both show the same
    outcome.

    Here is my page: best exercise for Weight loss - hoojang.Com,

    RispondiElimina
  3. I'm extremely impressed together with your writing skills and also
    with the structure for your weblog. Is that this a paid subject or
    did you modify it your self? Either way stay up the excellent high quality writing, it's rare to see a nice weblog like this one
    these days..

    my web page; งานออนไลน์

    RispondiElimina
  4. We are a group of volunteers and starting a new
    scheme in our community. Your site offered us with valuable information to work on. You have done an impressive job and our whole
    community will be thankful to you.

    Also visit my blog post - ยาลดความอ้วน

    RispondiElimina