domenica 1 aprile 2012

Perché il primo episodio di Saint Seiya Omega mi è piaciuto

(anche se ho capito giusto a grandi linee che non so il giapponese)

Omega nasce come prodotto indipendente e totalmente slegato dalla continuity di Saint Seiya, a differenza delle altre tre serie prodotte con la benedizione di Kurumada che sa disegnare solo i pugni chiusi.

Escursus generale sulle altre serie? Escursus generale sulle altre serie.

- Lost Canvas è incentrato sulle mazzate, che cerca di darsi un contegno. Serioso. Non serio.
- Next Dimension tutto di Kurumada che condivide alcuni punti con LC si spaccia come sequel della prima serie, ma è proprio il contentino dei fan;
- Episode G, probabilmente il migliore dei tre per chi ha amato la serie animata ed il suo doppiaggio italiano, per questo i giapponesi non l’apprezzano, perché Saint Seiya è poco più di una serie de regazzine che se pistano, e questa versione è troppo alta per quel pubblico.

L’anime è ambientato 25 anni nel futuro della serie classica. I vecchi personaggi sono ormai tutti adulti, anche se non sembra grazie al design molto accattivante di Yoshihiko Umakoshi, che riesce a rendere l’esperienza grafica simile a quella del compianto Shingo Araki, ma che comunque offre una sua visione più spigolosa e pop. 

CONTINUA DOPO IL SALTO!

L’inizio della prima puntata lascia un po’ perplessi, ma con la voglia di saperne di più. Vediamo Saori Kido che protegge un neonato, Koga, mentre viene attaccata da Marte/Ares il dio della guerra che ha un design da FINAL BOSS di un qualunque arcade.


Arriva Seiya con indosso l’armatura del Sagittario e il foulard che indossa indica sicuramente la sua nuova carica di Gold Saint con stipendio fisso al Santuario e ingaggia lo scontro con la divinità.

Non ho abbastanza 500 £ire! CLIFFHANGER OBBLIGATO!
Siamo nel futuro, GRANDE GIOVE! Koga viene allenato da Shaina dell’Ofiuco, sempre una gran fregna.

C'ha le puppe a pera!

C’è anche quel vegliardo di Tatsumi che ora per sembrare più un maggiordomo s’è fatto crescere i baffi! Quella vecchia canaglia che adorava sodomizzare i futuri cavalieri. Ah, come passa il tempo.

Hey, 13enne sprovveduto! Sai dove ti ficco questa mazza?!
Siccome Koga non riesce a capire cosa deve fare per diventare più forte, Atena gli dona la Stone Cloth del Pegaso, che presumibilmente apparteneva a Seiya in questo universo narrativo.
STONE CLOTH? Dopo ci torniamo.

Tutto sembra filare liscio con un tramonto da costiera sorrentina, sennonché arriva Chaos, distruttore dello spazio e del tem… 

Ah, no, è sempre Marte/Ares visto a inizio episodio.

Lo hanno disegnato alla Gainax forse?

La ferita che Atena subì anni prima nello scontro sembra ingrandirsi, e a nulla valgono gli sforzi di Koga pischello e Shaina fregna. Ma il cosmo in Koga è forte e la Stone Cloth comincia a brillare materializzando il Cloth del Pegaso che ha subito un restyling  totale.... SOFFRIRETE NEL FARCI IL COSPLAY!!!


Lo spirito di Seiya (è morto?) dà un paio di dritte a Koga che si lancia nello scontro con la malefica divinità.

Siiiiiriiioooo-ehm! KOOOGAAA!
COLPO DELLE PENNELLATE CADENTIIII!


Ok, l'episodio è finito, tornate tutti a casa. Escono fuori. Mi è piaciuto. Ragazzi mi è piaciuto, è solo il primo episodio e quello che ho visto non mi ha per nulla disturbato: mi aspettavo dei trucioli in pancia invece no! Cerco di elencarvi i motivi.

Si sente che il franchise Saint Seiya è tornato nelle mani della Toei Animation, ed è un bene. I Cavalieri dello Zodiaco sono prodotto per ragazzi giovani, originariamente concepito così, ed è stata anche questa la mezza forza di Lost Canvas Il Mito di Ade, che cerca di mettere insieme aulico e shonenata.

Atmosfere classiche per i fan della vecchia serie ma al tempo stesso un design moderno, che non a tutti piacerà, anche se io da fan delle Pretty Cure sono ovviamente di parte, ma le shonenate pazzesche ci sono ed anche molto riconoscibili: quest'anime non cerca per niente di discostarsi dal classico di Kurumada e chi afferma il contrario non è figlio di Saori, non è figlio di Pegasùs e quando muore và laggiù. Si SENTE anche dalla sigla, che è di nuovo Pegasus Fantasy con un arrangiamento diverso ma sempre quella.
*HAN CUORE DI LUUCE! STRINGONO NELL'ANIMAA.. TUTTA LA FORZA DEL COSMOOO*

L’impronta più forte è quella delle gemme, le STONE CLOTH di cui presto troveremo sicuramente le riproduzioni da acquistare: è la nuova frontiera del marketing dopo i Myth Cloth! [cit. Nano Bagonghi]

È una scelta fantasy azzeccata secondo me: credo sia molto più pratico che l’armatura di un cavaliere venga racchiusa in un pendente che pesa pochi grammi, rispetto A UNA FOTTUTA SCATOLA D’ACCIAIO DA 250 CHILI CHE COME CAZZO FACEVANO A PORTARSELA IN SPALLA?

Gli allenamenti di Muten ci fanno una pippa!
È stato un episodio di facile compresione, anche senza conoscere il giapponese, avendo un po' di base della serie classica riesci a comprendere bene il senso degli eventi, ma è anche grazie al fatto che la serie stessa è molto emotiva e riesce a trasmettere bene tutta la narrazione.

Ci piace, e a voi piace?

12 commenti:

  1. Magari quando si accumuleranno un po' di puntate ci butto un occhio. Dalla sigla che avevo visto sul gruppo Facebook sembrava comunque accattivante.

    Seiya Gold Saint del Sagittario...dobbiamo aspettarci anche gli altri ex bronzini diventati d'oro? Sarebbe sfizioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe molto intrigante... gli altri 4 si vedono alla fine della sigla, ma sono avvolti dalle fiamme perciò è difficile distinguere i loro cloth, anche se ovviamente non può esistere un altro cavaliere del Drago, visto che c'è già un nuovo protagonista che ne indossa il cloth. Staremo a vedere.

      Elimina
  2. Ahahahahahahah, io ti adoro, fortissima questa recensione!
    A parte che concordo pienamente con te, anche a me è piaciuta moltissimo!
    Mi trovi d'accordo anche sul Canvas e sull'Episode G!

    RispondiElimina
  3. Sinceramente... Episode G non l'ho apprezzato molto... non ha quel carisma che mi aspettavo... Invece Lost Canvas mi è piaciuto di più... Per molte ragioni... C'è Doko in formissima, C'è Doko in forma... C'è Doko (che segua Lost Canvas solo perché amo Doko e quello che sarà il suo discepolo? Chissà). Sinceramente Doko è forse l'unica ragione per cui sto leggendo LC... A parte questo, non avevo ancora sentito nulla di Omega... Comunque non voglio metterci le mani sul fuoco... di solito sono contrario a sequel distaccati di kilometri dagli originali (diciamo che i prequel hanno limitazioni, e questo è bene), se poi dici che è anche distaccato dalla saga originale... mi vien un po' da storcere il naso. Ma a questo punto basta guardarlo pensando che non sia canonico, e forse potrebbe diventare anche piacevole... Non mi piace sta cosa delle Stone Cloth... Diciamo che da piccolo un mio grande sogno era quello di avere la Myth Cloth del dragone e di far volteggiare i componenti dell'armatura per poi "unirsi" al mio corpo... Una cosa è sicura su Omega, voglio provare a vederlo.

    RispondiElimina
  4. Dire che lo stile è simile a quello di Araki è una bestemmia...

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuta molto la tua recensione sul primo episodio! ^_^
    Sono d'accordo, la tecnologia è andata avanti e quindi la scelta di sostituire le pesantissime ed ingombranti Pandora Box con le più pratiche (e pure fashion! ^^) Cloth Stones è una delle idee migliori della serie!! Io sto adorando Omega e spero che anche molti altri fans del Saint Seiya "classico" inizino ad apprezzarlo (e magari anche ad amarlo)presto
    ;-))

    RispondiElimina
  6. Secondo me ti sei fumato qualcosa vedendo questo primo episodio....
    I disegni sono puro schifo, non sono per niente virili, e scusami se in un cavaliere il cui cosmo scuote la terra, mi aspetto, vedendolo, di poterlo identificare sessualmente con una certa sicurezza(almeno nella serie classica si erano limitati a shun e qlche avversario)...
    Lo scrigno delle sacre vestigia era veramente figo dava un suono epico al tutto, come anche la seguente vestizione, adesso i cavalieri sono diventati nelle armature dei power ranger e nella vestizione sailor moon. Ancora un pò e si mettono a dire potere del cristallo di luna vieni a me...
    Vogliamo parlare di marte? a me sembra un incrocio tra gundam e goldrake, cavalieri contro robottoni wow bellissimo...
    Hanno trasformato i cavalieri in un prodotto mahou shoujo con target infantile e se a te piace sicuramente capisci poco di cavalieri molto poco...

    RispondiElimina
  7. alla sesta puntata mi sono rotto il cazzo XD

    RispondiElimina
  8. And if they are selling and we have been not and quite often it's hard to ascertain what they're doing with incentives and concessions payday loan it is critical that you simply give the proper specifics of your property which you are planning to
    acquire.

    RispondiElimina