lunedì 26 marzo 2012

Si ma tineili sulla graticola


Devono cuocere ancora un po’ (i lettori)
Una foto può dire più di mille parole. A volte la sconvolgente verità è sotto ai nostri occhi incapaci di vederla, perché ci è nascosta, ma anche perché non vogliamo scoprirla.
Le persone che camuffano la verità con paroloni e tira e molla non vogliono che voi sappiate, ma noi saremo lì, a ricordargli che la verità sale a galla, e la pozza non è mai troppo profonda per un Super Santos pieno d’aria.
Le persone che non vogliono affrontare la verità non sono codardi o deboli, semplicemente non vogliono rendersi conto di aver sprecato la loro vita, ma noi saremo lì, a ricordargli che la verità fa male, ma insieme possiamo superare il dolore.

Continua dopo il salto!

sabato 24 marzo 2012

TEENAGE MUTANT NINJA TURTLES DA UN’ALTRA GALASSIA!


Re Meerda Strikes Again!

Michael Bay ha recentemente annunciato del suo coinvolgimento come regista del prossimo film sulle TMNT, ed ha rivelato che le TURTLES non saranno terrestri, ma aliene.
- Ma fa sul serio? Io penso scherzasse.
- No, no. Domè. Guarda il video. Fa sul serio.

*SEGUE UNA PAUSA DI 10 MINUTI*
Aliene…?
*SEGUE UNA PAUSA DI 20 MINUTI*
. . .

Continua dopo il salto!

giovedì 22 marzo 2012

YOU SHALL NOT PASS!

Un vecchio random appare
dalla fila in posta
Io mi diverto un bel po' ad andare in Posta. Sia chiaro, non sono un masochista: non mi piace per niente stare in piedi le ore ad aspettare il mio turno, o ammirare le vecchine in tiro al ritiro della pensione che dopo se la sciupano col moroso ultraottantenne sparapose / poveroincanna.
Ma se c'è una cosa che mi diverte tantissimo è andare in Posta, prendere il mio numeretto e sedermi ad aspettare. Non è un'attesa vuota da Settimana Enigmistica che ti leggi giusto le barzellette o unisci i puntini. È l'attesa di un cacciatore. In silenzio osservo la mia preda, e più è stagionata, più cresce il mio laido divertimento.

Il pensionato aspetta impaziente, nemmeno si siede, e controlla ogni 1,3 secondi il numero sul fogliettino e il numero sul display. Ha la testa pneumatica. Pregusto già il sapore della carne morta. Io da bravo occhio di falco scorgo il suo numero e un brivido mi percorre la schiena: è il 67. Io ho il 66. Potete capire quale gioia? No che non potete, non siete cacciatori, voi.
Mi siedo paziente, in mezzo a un gruppo di vecchiette che mi fanno da erba alta, il calore della giornata e il grondante sudore sulla mia fronte mi fanno sentire ne La mia Africa, il cuore che batte a un ritmo regolare e sempre più forte ad ogni DING! del display.
ECCOLO! DING! Numero 65! Mi alzo con fare felino e mi avvicino alle spalle del vecchietto, che si guarda attorno, e siccome crede di essere solo comincia già a sfregare indice e pollice calcolando nella sua mente l'inadeguata pensione. Sbava. DING! Numero 66.
Il trucco sta nel controllare il gioco di dita in stile Spaghetti Western dell'operatore digitale postale: una frazione di secondo dopo e siete fregati, a meno che non tirate fuori il jolly della nonna in macchina rimasta senza ossigeno e dovete sbrigarvi.
L'ormai ex operaio è già in delirium tremens con le sue manine pelose da lupo mannaro, e passetto dopo passetto si avvicina al bancone. Un pelo prima che l'operatore riprema il pulsantone, balzate da dietro allo sbavante giurassico e con il petto in fuori, il numero bene in vista, gli occhiali scintillanti come il fucile da caccia appena ingrassato (se non avete gli occhiali va bene anche una penna o una borsetta se siete donne) gridate: QUI SE NON RISPETTA LA FILA FINISCE ANCHE IL MONDO!
La faccia dell'uomo bicentenario è un mix di orgoglio buttato nel cesso, secondo stadio dell'accettazione, e un po' di un meme che ti fa tanto ridere in queste settimane.
La mia faccia è questa ovviamente:


Domenico "cavernadiplatone" Guastafierro

martedì 13 marzo 2012

Il caso Pandora Hearts

Un wallpaper a cazzo di cane
UPDATE 14/04/2012:
StarComics annuncia al Torino Comics la prossima pubblicazione di Pandora Hearts, insieme ad "Arrivare a te" e
"Tutor Hitman Reborn"
A
questo punto possiamo immaginare che oltre alla distribuzione in edicola l'editore originale pretendesse anche una certa qualità grafica come le pagine a colori? Incentivi sulla pubblicazione? Misteri editoriali a parte gaudio e tripudio per i fan della serie.

UPDATE 19/03/2012:

J-Pop annuncia sulla loro bacheca Facebook che non saranno nemmeno loro gli editori italiani di Pandora Hearts, rivelando qualche indiscrezione su cosa pretendesse l'editore giapponese: la distribuzione in edicola. Il cerchio si stringe.

NOTIZIA 13/03/2012: Nessuno di noi può sapere cosa è successo davvero, ma possiamo ipotizzarlo facendo riferimento al passato. Non è di certo a causa di una spinta del pubblico verso questo o un altro editore a far passare i diritti da una casa all'altra, sia ben chiaro, quindi è inutile scervellarsi su queste improbabili spy-story editoriali. Nè credo che dopo il piano editoriale già pronto, Panini abbia lasciato esaurire i diritti senza pubblicare, sarebbe una mossa da sciocchi quali loro non sono. E quindi? Passi indietro nel tempo ma non troppo indietro: vi ricordate di City Hunter Deluxe di cui avevano annunciato i diritti e poi non hanno potuto stamparlo perché la qualità non soddisfaceva l'editore giapponese? Poi qualche anno dopo hanno ripreso in mano la questione e seguendo il più possibile le direttive nipponiche CHDX è ora presente nelle nostre fumetterie. Qualcuno aggiungerà a qualità super pessima che se era StarComics al massimo costava €5,90. Che SC si può permettere perché hanno le Grafiche Bovini. Ma non divaghiamo. A questo punto potremmo supporre anche qualcosa di azzardato visto che Panini sembra non avere più i diritti. Chi dice GP, chi dice Star. Io sono il classico tipo che di solito pensa al male minore, se proprio ha "ceduto" probabilmente sarà J-Pop a proporlo in Italia. Altrimenti rimpiattino e sarà ancora Panini tra un annetto? Il tempo saprà dircelo.

martedì 6 marzo 2012

DC cambia logo, e MARVEL no (?)




Spelliamo quella figurina!
Durante gli ultimi mesi il nuovo logo dell’editore statunitense è rimbalzato per la rete spaccando in due fazioni il popolo dei geek e dei nerd, dividendoli in PRO e CONTRO. Il nuovo marchio ha un gusto retrò ed è proprio lo stile che Diane Nelson e il suo staff cercavano per il rilancio di un brand forte, recuperando quell’esperienza grafica che ha segnato il mondo dei comic book.

 Continua dopo il salto.