martedì 28 maggio 2013

I supereroi al cinema

Ne ho parlato ampiamente sui social network a cui il grande pubblico è abituato, ma avevo voglia di condividere anche sul mio sito cosa pensavo in generale dei superumani di celluloide. Dopo Iron Man 3 tutto è cambiato e la gente non se ne accorge.

Da una recente intervista a Shane Black, regista di Iron Man 3:
"Vorrei dire che abbiamo faticato moltissimo nel trovare un modo per rappresentare un terrorista così mitico. L'uso che abbiamo fatto del Mandarino in questo film, per quanto mi riguarda, offre un esempio di come le persone siano complici nell'essere spaventate. La gente è portata a credere a determinate cose allo stesso modo del pubblico del film. E si spera che alla fine si sia portati a pensare "Sì, il Mandarino ci terrorizzava, ma in fin dei conti non era poi così malvagio". Infatti era tutta una macchinazione del reale cattivo che agiva da dietro le quinte. Penso che un messaggio del genere sia ancora più interessante per il mondo in cui viviamo, perché ci sono un sacco di macchinazioni, c'è molta paura, generata a discapito di bersagli abbastanza ovvi, che magari potrebbero nascondere qualcos'altro.''

E questo è il mio video sul film, ringrazio sempre 88ferro senza il quale questo video non sarebbe esistito.



Dopo l'uscita del film è scoppiato il "puttiferio", se n'è fatto un gran parlare in questi giorni, la gente voleva strapparsi gli occhi dalle orbite, io ridevo. La gente gridava al GOMBLOTTO, io ridevo. Si è aperto un discorso di marchetting ingannevole, io ridevo. Siccome rido sempre ho cercato di far ridere anche voi con un video dove prendo in giro me, voi, la categoria e baracchelle appresso. Resto dell'opinione che se volete andare al cinema a vedere supereroi e accettate che essi perdano le radici del fumetto da cui provengono pur di non farvi ridere dietro dalla fidanzata o dagli amici che non leggono fumetti siete dei nerdoni.
Da qui la risposta con questo video irriverente:



Se voglio introspezioni guardo qualcos'altro, non un tipo in armatura ipertecnologica.

1 commento:

  1. Mah... Si può dare introspezione anche a un tipo in armature ipertecnologica volendo. Con Batman l'hanno fatto. Non dico che con Iron Man si dovesse essere così seriosi, però che cacchio, hanno buttato in vacca dei buoni spunti. L'inizio insomma prometteva un gran bene. Lui che c'aveva gli incubi, gli attacchi di panico e compagnia bella. Il mondo e lui cambiato dopo quel che è successo in Avengers (che anche lì, bellissimo ma un po' troppo divertente). Hanno risolto questi spunti con trovate stupide. Cioè dai, il bambino che ti fa passare l'attacco di panico?!?! Io volevo Stark in mezzo alla neve che si rotolava in preda alla paura e bofonchiava ''l'inverno sta arrivandoo'' tutto confuso.. Ecco..
    Comunque non volevo far il discorso su Iron Man, solo volevo dire che più introspezione e serietà la si può mettere pur parlando di eroi fumettosi :D Da Man of Steel mi aspetto questo io. E ho già il pene eretto

    RispondiElimina