domenica 27 ottobre 2013

Orfani, la rivoluzione di Sergio Bonelli

Posso assicurarvi di aver letto il primo numero di Orfani senza alcun pregiudizio, non ho tenuto conto di chi ci fosse alle spalle di questo progetto, soprassedendo a piè pari la brutta sensazione che ebbi quando venne annunciata la raccolta in volta prima ancora che uscisse un solo albo in edicola.

Me lo sono goduto come avrei fatto con qualsiasi altro fumetto che leggo di solito; quindi com'è?

Orfani è una storia come tante, di cui ho già letto, piena di déjà vu, di rimandi dal cinema di quando eravamo ragazzi, con le parolacce e personaggi macchiette, anche se il contesto fantascientifico non mi ha mai esaltato.
È chiaro a tutti che la storia è pensata per un pubblico mirato, quello dei videogiocatori, abituati a questi fps spaziali o giù di lì. Io più in là di Kingdom Hearts non sono mai andato, quindi capirete la mia reticenza.


Però bisogna ammettere un paio di cose, magari anche tre.
L'ho letto tutto d'un fiato senza stancarmi mai, complici la poca verbosità e il ritmo perfetto.
È un modo completamente nuovo di approcciarsi al fumetto Bonelli, così come è un nuovo modo di comunicare con il pubblico, una vera e propria rivoluzione.
I colori sono fenomenali, non ho mai visto tanta qualità per un prodotto destinato al largo pubblico. MAI.


È il primo numero su dodici (a quanto pare ci saranno almeno ventiquattro numeri per due stagioni in totale) quindi bisogna dargli fiducia per capire cosa Recchioni tirerà fuori dal cilindro.
Nel frattempo continuo a seguirlo e vediamo che succede, almeno il primo anno.

PS. Ho girato un video di me che leggo il primo volume di Orfani. Tutto per intero. Giusto per rompere l'anima alla gente su Youtube. Lo trovate qui sotto ;)

venerdì 25 ottobre 2013

Curami - L'erotico a Lucca 2013 di Cyrano Comics

Cyrano Comics sfonda le mura di Lucca Comics & Games 2013 e propone al pubblico un nuovo volume CURAMI, un omaggio alle “cliniche dell’amore” in una chiave ironica come solo Enrico Nebbioso Martini sa fare, coadiuvato da uno staff ricco e capace.

Immaginate di avere una laurea in lettere che non vi serve a un cacchio (molto facile da immaginare) e di trovare una segretaria uber sexy (anche questo è facile dai) e di aprire una clinica per i malati d’amore (nei fumetti nulla è impossibile).

Il ‘Male Minore’, la clinica per malati non convenzionali aperta da Marco Male non è una casa di lussuria, ma un toccasana per chi vuole curarsi ma non guarire.

Un luogo dove l’eros della perversione si esprime nel suo massimale intento, perché la dipendenza del piacere a volte incontra quella del dolore, e come un vortice di passione risucchia tutto ciò che incontra.



Ma poi, seriamente, chi è che vorrebbe guarire da un “problema” fatto di cosce lunghe e tette morbide? 
Di sguardi ammiccanti e bocca suadenti? Ragazzi, mo mi ammalo anche io perché...
 è la cura che conta, non la guarigione ;)

E potete anche scegliere quale scatola di panacea vi piace di più! 
Oltre alla cover regular c’è la variant che vedete qui sotto, quale preferite? Io, ad essere sincero la variant.
Solo €7,90 vi separano dalla felicità delle 220 pagine di CURAMI.


CURAMI  lo trovate nel Padiglione Giglio allo stand E315, 
vi lascio la piantina per comodità e un coupon per averlo scontato ;)