mercoledì 16 marzo 2016

IL MANGA PIÙ ANTICO DEL MONDO DIVENTA UN ANIME

Choojuu-jinbutsu-giga, uno degli emakimono conosciuti anche come I rotoli degli animali saltellanti

L'azienda energetica Maruben Shin Denryoku ha commissionato allo Studio Ghibli un corto animato per sottolineare il loro cambio di rotta verso un'energia pulita e rinnovabile. La scelta di animare la più antica testimonianza nipponica dell'arte disegnata, è facilmente riconducibile al tema naturalistico dei rotoli, che ricordano un'era pre-industriale del Giappone. Se i manga oggi esistono nella forma che conosciamo e apprezziamo, è grazie agli emakimono che sono stati la fonte d'ispirazione primitiva: negli antichi rotoli satirici troviamo immagini in sequenze, accompagnati da testi, e a volte anche da linee cinetiche che indicavano il movimento dei personaggi.

Nei famosi Choojuu-jinbutsu-giga troviamo una fauna espressiva e antropomorfa, che saltella per tutte le pagine del rotolo, e sono considerati il primo manga della storia. L'opera appartiene alla fine dell'epoca Fujiwara, ed è la più rappresentativa espressione dell'arte di quel periodo. L'artista, un disegnatore dal tratto delizioso e comico, ritrae animali dall'aspetto di monaci con fare satirico. Un vero e proprio ingegno artistico tipico del paese, privo di qualsiasi influenza, che testimonia una reazione contro la solennità dell'arte buddista.

Quelli che credevano morto e sepolto lo Studio Ghibli, dovrebbero ricredersi guardando gli animali prendere vita nel corto animato qua sotto.


Se volete conoscere altri elementi rappresentativi dell'arte giapponese, vi consiglio questo libro su Hokusai pubblicato dall'editore L'Ippocampo, dove troverete il meglio delle 4000 incisioni dell'autore in un'enorme volume di 696 pagine, in bilingue.


1 commento:

  1. Visto questa mattina... E' un documento davvero importante :D

    RispondiElimina