giovedì 2 febbraio 2017

Incomunicabilità in Naruto

Sto rileggendo i primi volumi di Naruto, visto che avevo promesso alla mia utenza di riprendere in mano il progetto Naruto ReCap. E mi sono soffermato su questa splendida pagina del volume 11, dove Sakura si interroga sulle motivazioni degli uomini - "Perché i maschi si sforzano così tanto?" - senza ovviamente trovare risposta, perché l'unica interlocutrice è Ino, un'altra femmina. 
Due mondi diversi, così distanti ma complementari, uomini e donne, sentimenti incomunicabili sfrecciano alla velocità della luce intorno e attraverso loro. Lee non ha alcuna intenzione di accettare il parere medico e continua ad allenarsi, finendo stremato. Sakura venuta a portargli un fiore per augurargli una pronta guarigione. Una giunchiglia fra l'altro, che ben rappresenta il carattere di Lee, un fiore che sopravvive anche all'inverno, un guerriero che sopravvive alle avversità. Splendida scena.



3 commenti:

  1. Sai Caverna... Sono queste piccolezze che mi fanno ancora mantenere un bel ricordo su "Naruto"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono piccolezze, certo, ma fanno parte di un grande disegno. Naruto ha scagato solo nel lunghissimo finale.

      Elimina
    2. cioè da quando pain diventa dragon shenron e naruto lo finisce con la sua tecnica più potente: il predicozzo no jutsu. certo che se si fosse fermato a pain ora staremmo a parlare del capolavoro dello shonen, stessa storia di bleach, solo che da merda sarebbe stato un buon fumetto e basta.

      Elimina