Passa ai contenuti principali

La opening di Stardust Crusaders delude le aspettative?

Ma quanto è da paraculi fare un articolo intero sul proprio sito per parlare di una sigla? Nemmeno tanto visto che parliamo di JOJO STARDUST CRUSADERS!
Questa opening si è fatta desiderare molto e finalmente con la seconda puntata dell’anime targato David Production l’abbiamo vista e ascoltata. Io più di cento volte sicuramente, voi due o tre volte. E sono sicuro che piace poco a tutti, ma di questo ne parliamo dopo. Piuttosto concentriamoci sui riferimenti beccati...



La sigla è ancora una volta tutta in CGI e punta molto sul fattore JOESTAR evidenziando la sacralità della famiglia e l’eredità di cui Jotaro Kujo si fa carico, mostrandoci più e più volte Jonathan e Joseph, e la cosa ci aggrada.


Appaiono 5 stelle cadenti che si dirigono verso l’Egitto, le quali rappresentano i crociati della polvere di stelle: Jotaro Kujo, Joseph Joestar, Mohammed Abdul, Noriyaki Kakyoin e Jean Pierre Polnareff. Perfettamente in ritardo arriva anche la stella del boston terrier Iggy.


Fate attenzione ai credits durante l'opening perché cambiano repentinamente per diventare i gridi di battaglia distintivi per ogni personaggio, come in questo caso:


Mentre i protagonisti camminano verso l'orizzonte le location che fanno da sfondo alle vicende si susseguiranno ad alta velocità, però lasciamo imprimere sulla retina questo frame intrigante dove c’è Hol Horse che dà le spalle al gruppo e si dirige verso lo spettatore. 


I protagonisti si esprimono con i loro classici attacchi, vediamo la silhouette di Dio Brando, i tarocchi e tutte queste cose fighe assai però fate caso di nuovo a questo cambio di credits dove stavolta diventano gli Hora! Hora! Dghyaan! e ancora sfiziosità! 

Se sapete il giapponese... meglio per voi
Non poteva chiudersi meglio se non con dei sonori cazzotti tirati allo schermo da parte di Star Platinum!

HORA! HORA! HORA! HORA! 
È davvero difficile valutare questa opening perché a fronte di una buonissima CGI, della storia ben condensata ed esaltata in meno di due minuti si deve fare i conti con una canzone che non è proprio eccelsa. Io vi parlo da non estimatore di musica e la trovo trascinante ma non emozionante. "Stand Proud" è un pezzo molto rock, molto eighties, un buon riff di chitarra, ma poi...? Sfigura moltissimo nei confronti di "Sono chi no sadame" e rispetto a "Bloody Stream" non c'è proprio paragone. Perciò la mia valutazione è 2,5 stelle su 5.


Vi anticipo già da ora che ho intenzione di metter su una piccola rubrica ogni 3 episodi della serie, per parlarne insieme a voi e scovare le varie differenze con l'anime! Nel frattempo fatemi sapere cosa ne pensate della sigla in attesa della ending che ancora ci fa penare!! Qualcuno sostiene che sarà "Holy Diver" io spero sempre per "Get Back".

Commenti

  1. Penso che tu abbia ragione.

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione la canzone è piuttosto banalotta una come tante altre niente di speciale, sul apparato delle animazioni non mi esprimo ,dico solo che son state belle, percè da un opening io più che un bel video mi aspetto una gran canzone da scaricare sul telefono e riascoltare all'infinito

    RispondiElimina
  3. Se fosse Get Back sarebbe il massimo.

    RispondiElimina
  4. L'ho sentita e questa sigla mi piace, però potreste spiegarmi gentilmente una cosa, Caverna o chi lo sapesse? Quali sono state finora le canzoni rock esistenti usate nell'anime come opening/ending? Perché io sinceramente leggo solo il manga e l'anime ancora non l'ho visto, ma questa cosa mi incuriosiva e cercando su internet c'è una gran confusione, visto che alcuni vorrebbero che alcune canzoni fossero scelte come sigle e hanno fatto addirittura video fake, ho capito solo che la prima parte (che poi è solo Phantom Blood o include anche Battle Tendency?) ha come ending la bellissima Roundabout degli Yes...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Silver Star di Jack Kirby, Renoir

Un'ottimo fumetto del grande Jack

MENTRE L'ITALIA LITIGA LA FRANCIA FA

Le influenze della cultura giapponese, filtrata dal tubo catodico di Mediaset hanno irrigimentato una generazione intera di futuri narratori, che di fronte al media fumetto non hanno trovato altro sfogo che fare IL MANGA. Ex-Tract , scritto da Domenico Guastafierro e disegnato da Alfredo Postiglione Sono anni che si dibatte sulla validità di questo "manga italiano", o "macaroni manga" come dicono i giapponesi stessi, che se con un occhio ci guardano con malcelata superbia, con l'altro in stile Marotta ci spronano a creare attraverso concorsi come il Silent Manga Audition. Presentazione del lavoro di Elena Vitagliano per lo SMA La Francia è da sempre grande divoratrice di fumetti giapponesi (anche più degli italiani) e negli ultimi anni ha trovato anche una nuova strada per fare manga, che non fosse solo il raccontare le proprie radici con quelle tecniche. Tony Valente che stringe tra le mani un poster del suo manga RADIANT Dopo l'uscita di Capitan Albator

SPIDER-MAN WEEK! PARTECIPA AL CONCORSO!

Per celebrare l'uscita del film The Amazing Spider-Man parte la SPIDER-MAN WEEK! Ogni giorno un video dedicato al mondo dell'Uomo Ragno, live streaming su Youtube, recensioni, curiosità e infinite un piccolo concorso con il quale vincere un albo in lingua originale di ULTIMATE SPIDER-MAN! Ma non quelle porcate che Panini allega ai mensili per svuotare il magazzino! Un trade paperback di USM: i primi 7 albetti della serie raccolti in un solo volumone! Clicca per gli appuntamenti giornalieri da non perdere!!