Passa ai contenuti principali

BANANA FISH DIVENTA UN ANIME

Se avete cominciato a leggere manga nei primi 2000 ricorderete sicuramente Banana Fish per la peculiare carta gialla su cui era stampato il fumetto di Akimi Yoshida. L'edizione italiana a cura di Panini Comics lo rese uno dei primi manga ad avere una confezione di prestigio. Non era solo oggetto di design, ma vantava anche un intreccio di rara bellezza che affondava le radici nel cinema pulp-gangster americano con uno stile grafico ricercato e pulitissimo che ricordava Katsuhiro Otomo.



Ora Banana Fish sta per diventare un anime! La serie animata sarà diretta da Hiroko Utsumi (Free!) per lo studio Mappa (Ushio e Tora) su sceneggiature di Hiroshi Seko (Inuyashiki) e Akemi Hayashi (Dokyusei). La messa in onda è prevista per il 2018 all’interno del contenitore di animazione adulta noitaminA della rete Fuji TV. Di seguito la preview.






Sinossi: Nel 1973, in Vietnam, un soldato americano perde la testa e spara sui suoi commilitoni. Da quel momento non parlerà più se non per pronunciare due misteriose parole, ”Banana Fish”. Dodici anni più tardi, a New York, la polizia sta indagando su una serie di strani suicidi. Un giorno un uomo viene ucciso a sangue freddo in mezzo alla strada ma, prima di morire, consegna ad un giovane capobanda di nome Ash una sostanza misteriosa pronunciando ancora una volta le parole “Banana Fish”. Cosa si nasconde dietro tutte queste morti sospette? Ora tocca ad Ash scoprire la verità.

Attualmente della stessa autrice viene pubblicato in Italia OUR LITTLE SISTER - Diario di Kamakura per Star Comics.

Commenti

  1. Sìì! Facevo l'università e ricordo perfettamente che lo compravo in fumetteria.
    I pescibanana XD
    L'anime sarà particolare, vedremo!

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Silver Star di Jack Kirby, Renoir

Un'ottimo fumetto del grande Jack

SPIDER-MAN WEEK! PARTECIPA AL CONCORSO!

Per celebrare l'uscita del film The Amazing Spider-Man parte la SPIDER-MAN WEEK! Ogni giorno un video dedicato al mondo dell'Uomo Ragno, live streaming su Youtube, recensioni, curiosità e infinite un piccolo concorso con il quale vincere un albo in lingua originale di ULTIMATE SPIDER-MAN! Ma non quelle porcate che Panini allega ai mensili per svuotare il magazzino! Un trade paperback di USM: i primi 7 albetti della serie raccolti in un solo volumone! Clicca per gli appuntamenti giornalieri da non perdere!!

Il finale di Dragon Ball GT

Quando nella seconda metà degli anni ’90 Akira Toriyama e il suo editor Fuyuto Takeda iniziarono a progettare il finale del manga di Son Goku e i suoi amici, Dragon Ball era una macchina fabbrica-soldi che non poteva certo interrompersi così, da un giorno all’altro. Se da una parte il sensei Toriyama si sarebbe fermato per una sua precisa volontà, tutte le altri parti che componevano il merchandise di Dragon Ball sarebbero andate avanti, fra cui: pupazzetti, giochi di carte, videogames, e ovviamente serie animate. Ecco come Dragon Ball farà i VERI soldi La TOEI ANIMATION non poteva assolutamente permettersi di perdere una così ricca filiera lavorativa, e pensarono subito a un sequel per le avventure dei Saiyan: Dragon Ball GT . Una side story che ci mostra cosa sarebbe successo se i nostri eroi avessero continuato ad usare le Sfere del Drago , vero leitmotiv, e a mio parere, vere protagoniste della storia a cui danno appunto il nome, ma su questo punto ci tor